Perché la lettura della musica è più complessa?

Nel tentativo di porre rimedio alle difficoltà di alcuni alunni per quanto riguarda la lettura della musica, le domande essenziali erano:

  •  
    • Ciò che rende la lettura della musica più complessa,
    • e come ripararlo?

Lettura letteraria e musicale

Il testo letterario è composto di parole chiaramente identificabili separate da spazi visibili. Queste parole sono organizzate in frasi, che sono anche facilmente identificabili dalla punteggiatura. Alcune parole ricorrenti infine (articoli, congiunzioni, ecc.) hanno un ruolo sintattico, mentre altre parole hanno un ruolo semantico e designano una realtà conosciuta dal bambino che inizia a leggere.

Un giovane allievo che legge e comprende la frase « il gatto beve latte » ha una percezione immediata di questa frase a livello visivo, fonologico, grammaticale e semantico.

Tutti questi riferimenti presenti nel linguaggio « letterario » e che facilitano e strutturano il riflesso di lettura, non esistono nel linguaggio musicale. Sono per lo meno difficilmente identificabili per gli alunni nei primi anni.

Approccio a un « testo segmentato »

Nei suoi studi musicali, l’alunno che si avvicina alla fase di decodifica (passando dal segno scritto al suono) deve compiere un nuovo sforzo d’identificazione ad ogni nota. È quindi difficile per lui rilevare i suoi errori. Ogni nota letta non fornisce alcuna indicazione utile per decifrare la nota successiva e la capacità di concentrazione deve essere molto importante.

Il motivo di questo gioco era quindi quella di segmentare il « testo » musicale in celle al fine di creare entità paragonabili alle parole. Al fine anche d’identificare più facilmente gli errori di lettura, segmento per segmento.

Memorizzazione e concentrazione del lavoro

La sfida per lo studente è

  •  
    • memorizzare l’effetto sonoro di ciascuna cellula ritmica,
    • per allenare la loro capacità di concentrazione nella lettura.

L’insieme di 52 celle ritmiche nel gioco consente allo studente di migliorare gradualmente queste due abilità,

  • selezionando gradualmente un numero sempre maggiore di carte
  • e scegliendo le sue priorità (più carte o ritmi più diversi) in base alle sue difficoltà.

Il lavoro di memorizzazione è reso possibile in completa autonomia tramite la pagina Internet dedicata: fare clic su una mappa per ascoltare il ritmo

Lavoro di lettura e ascolto

Ogni studente ha competenze diverse secondo l’esercizio proposto: lettura a vista, udito al chiuso, dettatura musicale, invenzione, improvvisazione …

Lo strumento può essere utilizzato in diversi modi. Ogni studente può cercare di fare affidamento sulle proprie capacità naturali o di risolvere le proprie difficoltà. Allo stesso modo, l’insegnante può usarlo come parte di una pedagogia differenziata durante l’allenamento musicale.

Qualunque sia la modalità di gioco scelta, l’obiettivo principale è soprattutto la capacità di padroneggiare il materiale musicale.

Sviluppare connessioni neurali

A differenza del libro di addestramento musicale – che questo gioco non intende sostituire – che si basa su un programma di acquisizione, lo strumento mira quindi semplicemente a sviluppare le connessioni neurali utili per la decodifica. Si tratta di « fluidificare » i meccanismi cerebrali necessari per appropriarsi tanto della relazione segno / suono quanto della relazione suono / segno.

Quasi …

Il formato del gioco di carte è stato imposto in modo abbastanza naturale in questa ricerca: il suo formato, un ingombro e un peso ridotti, la sua versatilità, ma anche la garanzia di manovrabilità, solidità e longevità (carta speciale 330gr, vernice, angoli arrotondati).

Oltre al divertimento, ci sono qualità funzionali per l’apprendimento e un buon adattamento all’uso frequente.

Tutti gli articoli

Il negozio online

No comments yet.

Laisser un commentaire

2 × un =