La lettura delle note

solfeggioco

Errori, lentezza, esitazione … la lettura delle note sembra porre veri problemi ad alcuni studenti. Non riescono perché non lavorano, o forse non lavorano perché hanno difficoltà a leggere. Circolo vizioso!
Quali sono quindi le difficoltà specifiche nel leggere gli appunti e quali studenti sono infastiditi da queste difficoltà?

Le difficoltà

“Sembra tutto uguale! « 

Tutte le note sono tonde e si trovano tutte su un pentagramma di cinque righe. Individuare rapidamente la posizione grafica della nota richiederà più concentrazione visiva che distinguere una « a » da una « b ».

 » È incomprensibile! »

Riconoscere, per il principiante, un accordo perfetto, un’ottava, una cadenza, insomma tutto ciò che può dare un significato a questi piccoli cerchi su linee è impossibile. La lettura letteraria mi offrirà molto velocemente parole con le quali gradualmente familiarizzerò (articoli, congiunzioni, verbi ausiliari …). Al contrario, su un testo musicale, ogni nota o sequenza di note non mi offre alcuna informazione su ciò che seguirà.

« Le stesse note non hanno sempre lo stesso nome? » 

Alcuni studenti che dopo aver sofferto un po’ nell’apprendimento della chiave di violino, scoprono « con orrore » che nella chiave di basso, una nota situata nello stesso punto del pentagramma non ha lo stesso nome… 

 » È inutile! »

Suono il flauto e mi si chiede di imparare la chiave di basso in corso di solfeggio. È chiaro che l’apparente inutilità dell’apprendimento non incoraggia il lavoro. Inoltre, acquisire un’abilità senza avere la possibilità di esercitarla è molto ipotetico quanto al risultato.

Quali studenti sono imbarazzati da queste difficoltà?

Abbiamo tutti una modalità di memorizzazione preferita: uditiva, visiva, cinestesica, mnemonica … La nostra modalità di memorizzazione preferita renderà alcuni apprendimenti piuttosto facili e altri più o meno difficili.

La fase di apprendimento è l’archiviazione delle informazioni e la fase di utilizzo è il recupero di queste informazioni. Gli studenti che possono facilmente memorizzare visivamente la posizione della nota saranno anche in grado di recuperare queste informazioni più facilmente. Gli altri dovranno prevedere uno sforzo maggiore al momento della memorizzazione ma anche al momento del recupero.

Pertanto…

La posizione della nota dovrebbe essere « fotografata » in modo che possa successivamente essere identificata in modo naturale come si distingue « a » da « b » o rosso dal giallo.

Proposta

Pagina da scaricare e stampare: chiave di violino o chiave di basso

Apprendimento
Questo non è un esercizio di lettura. Si tratta semplicemente di concentrarsi per pochi secondi sulla prima riga più volte durante la giornata fino a quando non si è in grado di visualizzare mentalmente ogni nota senza il supporto del foglio associandone il nome.

Valutazione
Una volta che i punteggi per la prima riga sono stati registrati visivamente, possiamo valutare il risultato
– leggendo la prima riga il più rapidamente possibile
– leggendo questa stessa riga a caso

Non appena le note di una riga sono completamente acquisite (letture completate con successo più volte), si passa all’apprendimento della riga successiva.
Se notiamo errori o esitazioni su una nota specifica durante la progressione, torniamo a riprendere la memorizzazione visiva della nota interessata.

Leggere note su spartiti

La stessa progressione è poi eseguita sulla partitura:
inizio a « leggere » sulla partitura solo le note acquisite. Quando studio la riga uno, leggo solo « do » e « sol ». Aumento gradualmente il numero di note da leggere in base alle nuove note memorizzate.

Chiavi di violino e di basso

Per gli studenti che suonano uno strumento polifonico, imparare immediatamente le chiavi di violino e di basso può essere la soluzione migliore.
Allo stesso modo, gli studenti che hanno imparato a leggere la chiave di violino e stanno iniziando la chiave di violino possono anche utilizzare questa pagina per avere una visualizzazione dell’uso di queste due chiavi. (chiavi di violino e di basso )

Per gli studenti strumentisti che suonano in chiave di violino, l’unica possibilità (e probabilmente anche l’unico interesse) per installare saldamente la lettura della chiave di basso è di lavorare regolarmente sulla partizione con accompagnamento del pianoforte.
Allo stesso modo per violisti o suonatori di corno.

Il profilo dello studente

Se tutti abbiamo una modalità di memorizzazione preferita, utilizziamo anche le altre modalità, come seconda risorsa quando la nostra modalità preferita non funziona. In questo caso i nostri riflessi sono più lenti e meno spontanei.

Sebbene sia importante per l’insegnante conoscere il profilo dello studente, è altrettanto veramente interessante per lo stesso studente capire come funziona. È anche importante che capisca che questo modo di operare a volte sarà fonte di facilità, a volte di difficoltà.

Un modo semplice per fare una diagnosi e rendere consapevole lo studente delle sue reazioni più spontanee: chiedergli come ricorda un numero di telefono.

  • memoria uditiva: recita il numero nella sua testa
  • memoria visiva: vede mentalmente il numero
  • memoria cinestesica: le sue dita battono il numero su un immaginario tastierino numerico
  • memoria mnemonica: associa il numero ad altre cifre (numero di reparti, date storiche, ecc.).

_____________________________________

Questa pagina non è un metodo di apprendimento, ma solo uno strumento da utilizzare secondo necessità.

Voir l’ensemble de nos articles

No comments yet.

Laisser un commentaire

dix − 4 =